<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1760020474260700&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

7 esempi di call-to-action efficaci da non perdere

CALL TO ACTION
7 esempi di call-to-action efficaci da non perdere

Fare delle call-to-action efficaci è ormai indispensabile per qualsiasi brand. Ma come si può riuscire a scrivere il giusto testo che crei attenzione e produca una reazione in chi lo legge? Ebbene, delle call-to-action efficaci sono delle chiamate all’azione che stimolano l’utente ad agire e interagire con il marchio.


Email, messaggi sullo smartphone, post sui canali social: oggi una persona è bombardata da una
quantità infinita di informazioni di tutti i tipi. L’esagerata mole di notizie che riceviamo ogni giorno ha aumentato la nostra disattenzione verso questo tipo di stimoli e, per chi si occupa di marketing, costruire call-to-action efficaci sta diventando sempre più difficile.

 

Vuoi sapere come creare call-to-action che funzionano? Scarica il nostro ebook gratuito e leggi le nostre best practice!

 

Ecco, allora, una serie di caratteristiche che portano a risultati soddisfacenti.

 

Attenzione ai dettagli

Che sia un sms o una vetrina interattiva, tutto deve essere costruito con cura. L’intero spazio deve essere di facile comprensione e attraente, in modo che ogni elemento resti impresso nella memoria di chi interagirà con esso. I colori, le forme e la posizione delle scritte e delle immagini devono amalgamarsi tra di loro, produrre un messaggio chiaro che colpisca l’utente.

 

Inserire bottoni che invitino a compiere un’azione

Un altro modo per realizzare delle call-to-action efficaci è quello di stimolare l’utente a compiere un’azione. Con frasi come “richiedi una consulenza gratuita”, “scarica il buono sconto” o “iscriviti alla newsletter”, avrai molte probabilità che la persona arrivata sul tuo sito o che ha ricevuto la tua mail sia invogliata a proseguire.

 

Usa frasi assertive e concise

Usare brevi frasi chiare aiuta ad attirare facilmente l’attenzione dell’utente e, quindi, a ottenere un numero più alto di conversioni. Non solo. Il messaggio deve essere attinente all’offerta: messaggi elusivi o provocatori, infatti, rischiano di allontanare l’utente, sortendo l’effetto opposto a quello auspicato. Quindi, meglio dire subito quello che si vuole senza fare troppi giri di parole.

 

Puntare sul senso di urgenza e gratificazione

Oggi si ha sempre fretta e spesso le persone non hanno voglia di leggere tutto il contenuto fino in fondo. Call-to-action efficaci dovranno, perciò, catturare l’attenzione con piccoli accorgimenti. Inserire nell’annuncio termini come “Fallo adesso” o “Subito per te”, stimolano nell’utente un vero e proprio senso di urgenza. Addirittura, è stato dimostrato che dire “Ottieni informazioni” al posto di “Chiedi informazioni” porta a un incremento delle conversioni abbastanza rilevante. Il motivo è dettato dal fatto che il verbo ottenere risulta più immediato. Chiedere, invece, fa pensare a un procedimento lungo e noioso e, di conseguenza, ben poco attraente per il cliente.

 

Il potere della parola gratis

Se non lo devo pagare perché non lo devo ricevere? È questa la domanda che chiunque si fa quando qualcosa è offerto gratuitamente. Il termine “Gratis”, infatti, cattura immediatamente l’attenzione: a spiegarlo sono anche alcuni test. Un economista comportamentale, per esempio, ha chiesto a un gruppo di persone di scegliere fra due offerte: un buono da 10 dollari di Amazon gratuito, oppure, un altro da 20 dollari al costo di 7 dollari. Anche se la seconda opzione risultava più conveniente, la maggior parte delle persone ha scelto il buono da 10 dollari perché per riceverlo non avrebbe dovuto spendere nulla.

 

Creare un legame con l’utente

Per realizzare una call-to-action efficace è, inoltre, fondamentale creare feeling. In questo caso scegliere i pronomi giusti è importantissimo. Se dai del tu, chiedi di essere seguito in modo informale, costruendo così un rapporto di familiarità e fiducia con il possibile cliente. Se stimolerai l’emotività e riuscirai a convincere l’utente che otterrà un beneficio, potresti arrivare a ottenere anche il 90% delle conversioni.

 

Offri un periodo di prova

Infine, un’altra ottima strategia è permettere che si testi il prodotto o il servizio. Inserire la possibilità di provare quello che stai offrendo può essere un utile modo per coinvolgere il cliente e permettergli di muovere i primi passi sul tuo sito per saperne di più sul tuo brand e stimolarlo ad acquistare i tuoi prodotti.

 

 

Download our free ebook

  • Commenti

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti sull'inbound marketing ?